HOME ---> TECHNICAL

L'RDS è un sistema di invio di informazioni ausiliarie contemporaneamente al segnale audio e senza interferenza alcuna con quest’ultimo. Le specifiche seguono lo standard dell'European Broadcasting Union definito a metà degli anni '80. L'idea era nata qualche lustro prima in Svezia, già nel 1974 venivano infatti veicolate alle normali trasmissioni in FM delle informazioni codificate utilizzate per il servizio di cercapersone. Il sistema RDS permette di inviare diversi tipi di informazioni, tra cui l'identificativo della stazione radio. Consente pure di ricercare automaticamente la stessa emittente su altre frequenze quando il segnale peggiora, di forzare l’ascolto degli annunci sul traffico e dei notiziari e di visualizzare messaggi scorrevoli. Nel caso del broadcast se qualche informazione va persa, non vi sarà alcuna possibilità di ripetizione; Per garantire una elevata probabilità di ricevere correttamente i dati, l'RDS veicola una serie di informazioni ridondanti, tramite i cosiddetti codici a rilevazione e correzione d'errore. Questo vuol dire che se il numero di errori non è rilevante si possono ricostruire i dati originali, mentre in caso di troppi errori essi vengono completamente scartati per evitare ulteriori danni (pensate cosa accadrebbe se la vostra autoradio cominciasse a saltare da una frequenza all'altra all'impazzata). Per questo nell'RDS ad ogni 16 bit di dati inviati seguono ben 10 bit di controllo per la rivelazione/correzione degli errori. L'invio dei dati avviene modulando una portante a 57 KHz, posta in modo da non interferire con lo spettro utilizzato dalle normali trasmissioni broadcast FM Stereo, la velocità di trasmissione è di 1187.5 bit/secondo, per comodità, pari a 57 KHz diviso 48).

Funzioni primarie:

PI (Program Identification): Identificatore numerico unico dell'emittente, dovrebbe essere un codice univoco ma spesso purtroppo non lo è.

PS o PSN (Program Service Name): Identificatore alfanumerico dell'emittente, in poche parole è la scritta che compare sul display e può essere composta da un massimo di 50 scritte di 8 caratteri. Ciascuna scritta ha impostabile un proprio tempo di permanenza sul display del ricevitore.

AF (Alternate Frequencies): Elenco di frequenze alternative, massimo 25, su cui viene irradiato lo stesso programma. Questo servizio permette all'apparato ricevente di sintonizzarsi su una delle altre frequenze nel momento in cui il segnale diventa troppo debole. Questa funzione è molto utilizzata nelle radio oggigiorno.

TP (Traffic Program): Informazione che indica se la stazione fornisce un servizio di bollettini sul traffico.

TA (Traffic Announcement): permette di cambiare stazione, o di abilitare la ricezione radiofonica durante l'ascolto di CD o musicassetta, non appena qualche emittente trasmette informazioni sul traffico.


Funzioni secondarie:

ON o EON (Other Networks): Indicatore numerico di frequenze alternative su cui è in corso una trasmissione sul traffico. Permette di monitorare altre stazioni radio alla ricerca di informazioni sul traffico.

NEWS: Come l'EON, ma in presenza di notiziari piuttosto che di informazioni sul traffico

CT (Current Time): Indicazione numerica della data e dell'ora UTC, la conversione in ora locale è effettuata dal ricevitore.

PTY (Program Type): Indicatore numerico del tipo di programma (Musica, notiziario, ecc.). Codifica fino a 32 tipologie diverse di contenuti trasmessi dalla stazione: per esempio: PTY1 News, PTY6 Drama, PTY11 Rock music - Permette agli utenti di cercare una stazione per tipo di contenuti trasmessi.

PTYN: Tipo di Programma Esteso

PIN (Program Item Number): Indicatore numerico del programma (utilizzabile nelle registrazioni a tempo).

RT (Radio Text): Informazioni varie a pagine, analogo al "Televideo", insomma un servizio di radiodiffusione di dati ed informazioni. Oggi è prevalentemente utilizzato per inviare l'autore ed il titolo del brano in onda o comunicati pubblicitari.

TDC (Transparent Data Channel): Canale dati trasparente, utilizzabile per radiocomandi e telecontrollo.

DI (Decoder Id.): Identificatore numerico del tipo di codificatore (per utilizzo Dolby via radio, High Com ecc.).

MS (Music/Speech): Commutatore tra musica e parlato, utile per due comandi di volume differenti.

IH (In House Application): Canale dati ad uso dell'emittente, utile per telecomandare trasmettitori. Principalmente utilizzato per dare l'impulso di splittaggio alle sedi periferiche, per esempio per la messa in onda di pubblicità locale.

REG (Regional links): indica che la stazione radio non è a diffusione nazionale bensì per una specifica parte del territorio



Funzioni addizionali:

RP (Radio Paging): Cercapersone via radio con possibilità di invio di un messaggio fino a 80 caratteri.

TMC (Traffic Messages Channel): Canale informazioni digitali sul traffico.

FT: Sintonia Veloce

LIC: Identificazione Lingua

ECC: Codice di Nazione Esteso

LI: Identificatore di link